• Tel. +39 0375 771238

Aperture

800 528 Mazzini Serramenti

QUALE APERTURA SCEGLIERE?

Il tipo di apertura di un serramento deve essere scelto in base al modo d’accesso delle persone all’interno dell’edificio, al tipo di illuminazione naturale, al modo in cui vogliamo regolare la ventilazione, al tempo con cui vogliamo ricambiare l’aria in un’ambiente, e a come dobbiamo gestire l’umidità interna della stanza.

Ecco una breve guida ai principali tipi di apertura. Per saperne di più contattaci o scrivici una mail (clicca qui).

Anta fissa
Un’anta fissa è ottima nel caso vogliamo far si che gli occupanti di un edificio godano di una grande panorama e quando i vani da chiudere sono di grandi dimensioni. Nel caso in cui il montaggio sia eseguito a regola d’arte abbiamo una tenuta totale agli agenti atmosferici.
Meglio non adottarla in ambienti dove non c’è un adeguato sistema di ventilazione dell’aria e dove non si può pulire il vetro dall’esterno.

Apertura a battente
L’apertura a battente, la più diffusa in Italia, è un buon compromesso perchè unisce ad un’ottima facilità di manovra una buona capacità di ventilare gli ambienti, la possibilità di vedere bene il panorama esterno e una buona tenuta agli agenti atmosferici; il più grande svantaggio è che quando aperta ingombra notevolmente l’ambiente interno.

Apertura all’inglese
Il sistema di apertura all’inglese non è utilizzaro nel nostro paese perchè rende difficoltoso l’utilizzo di schermature solario esterne.

Apertura ad anta e ribalta
L’apertura ad anta e ribalta, DK cioè l’apertura normale a battente più l’apertura a Wasitas unisce la capacità di ventilare velocemente un ambiente alla capacità di limitare l’ingombro durante l’apertura. Bisogna prestare attenzione al fatto che durante i mesi invernali non si deve abusare dell’apertura a ribalta per non specare troppa energia del riscaldamento.

Alzanti scorrevoli

I serramenti scorrevoli sono la migliore soluzione per le grandi aperture perchè non rubano spazio all’ambiente interno quando vengono aperti, perché riescono a supportare vetri di grandi dimensioni e perché agevolano il passaggio tra l’ambiente esterno e quello interno.
Sono costruiti con sezioni da 68mm e 78mm e 92mm.
Anche porte di grande dimensione possono essere facilmente aperte o chiuse agendo solamente sulla comoda maniglia di manovra.
L’anta mobile si può alzare ed abbassare in qualsiasi punto della corsa.

Finestre complanari – Scorrevoli parallele

Sono finestre scorrevoli che consentono oltre alla normale aerazione mediante slittamento a lato, anche l’apertura a ribalta. I sostegni tengono il battente aperto senza pericolo che si chiuda per colpi d’aria. L’anta scorrevole si aziona in modo semplice e sicuro: infatti il sistema di leve che compone il meccanismo di apertura permette la chiusura in modo completo senza sforzo anche se la finestra ha un peso notevole.
Nella posizione di chiusura l’anta è bloccata su tutti i lati massimizzando l’isolamento acustico.
Questo tipo di finestre rappresenta un’ottima soluzione nel caso si voglia privilegiare l’aerazione e la luminosità di un ambiente. Sono sempre più diffuse nelle case moderne.

Bilici
Molto usato per le ampie vetrate apribili. Grazie alla possibilità di sblocco del meccanismo che permette il ribaltamento di 180° del serramento sono adatte ad essere utilizzate dove la pulizia risulta difficoltosa. La ferramenta dotata di freno a rotazione può sostenere pesi fino a 200kg. Le finestre a bilico possono essere di varie forme: oltre alla quadrata o rettangolare è possibile realizzare quella circolale o ovale.